Il fuoco degli dèi

Oh voi, guardate come gli anni cadono
con fragore tutti e formano una nube
e l’uccello sul suo ramo ride dei sogni
dell’uomo, mentre tutto si disfa come scaglie!

Quel fuoco che Prometeo ancora non espia,
dolore posto sulla fronte perché sia eterna,
oh guardatelo crescere sulle rovine,
le ceneri che rimangono del suo incendio sommesso!

Percorriamo le ore senza vederne il volto,
quelle labbra che a volte ci chiamano da così lontano.
Oh se nell’altro sogno potessimo pensare
e quella fiamma infine si innalzasse al riposo
oscillando in mezzo alla Bellezza, per sempre!

Su internet

© 2019 J. Rodolfo Wilcock - Tutti i diritti sono riservati.

Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.